Archivi Blog

Cucù cucù, l’Aprile non c’è più!

Oggi mi faccio perdonare per l’assenza con un post bello succoso…

Il Cuculo!
Chi non lo conosce? C’è anche la famosa canzoncina che ci ricorda che a maggio il cuculo ritorna e ci delizia con il suo canto territoriale!
Ma chi sa dirmi a pieno le meraviglie di questo uccello? E sopratutto, chi sa com’è fatto un cuculo? Vi sfido!

Il Cuculo (Cuculus canorus) è un simpatico uccello simile ,per forma e dimensione, a un piccione, la cui peculiarità, il parassitismo di cova, l’ha reso celeberrimo.
Tutti sappiamo che il cuculo depone le uova nei nidi di altri uccelli.
Quello che non tutti sanno però è che non tutte le specie sono adatte a fare da ospite, anzi, in Europa sono solo una decina, e, soprattutto, ogni femmina di cuculo depone le uova solo nei nidi di una specie.
Il motivo è semplice: le uova “intruse” devono essere molto simili a quelle dell’ospite per non suscitare sospetti, e la femmina si specializza nell’imitare un solo tipo di uovo nel corso della propria vita (diversi ceppi di cuculi che depongono uova simili a quelle di una stessa specie sono detti gentes).

01455_cuculo_19,4

Un’altra particolarità è data poi dalle modalità di deposizione e schiusa che seguono sempre lo stesso schema.

La femmina di cuculo individua il nido dei malcapitati ospiti, aspetta che depongano le uova, e, alla prima occasione, si introduce nel nido (sempre di pomeriggio) e presa nel becco una delle uova deposte (lo mangerà più tardi, per non perdere tempo), depone il suo uovo e vola via.
L’uovo del cuculo si schiude in un tempo nettamente inferiore a quello dell’ospite, quindi, appena il pulcino viene alla luce, come prima cosa spinge le uova dei suoi fratellastri fuori dal nido: in questo modo sarà l’unico nidiaceo a dover essere nutrito.

Ma come fanno i genitori adottivi a non accorgersi del gigantesco “mostro” vorace che sta crescendo nel loro nido? Perchè continuano a nutrirlo anche quando le sue dimensioni diventano oggettivamente superiori alle loro?
Altro “trucco” del cuculo: il pulcino ha l’interno del becco talmente rosso da rappresentare un super stimolo per i genitori che non possono fare altro che nutrirlo. Inoltre il “piccolo” pullo emette un richiamo che equivale a quello di un’intera nidiata.

C’è da aspettarsi che prima o poi, nel corso dell’evoluzione, le specie parassitate riusciranno a raggiungere il Cuculo nella “corsa agli armamenti”, ma per il momento quest’ultimo è in netto vantaggio!

E per la serie “non si finisce mai di imparare” guardando il video ho scoperto l’esistenza del Gobbo Testanera (Heteronetta atricapilla), la cosidetta “anatra cuculo”, originario del Sud-America, che parassitizza il nido di altre specie acquatiche, come i gabbiani.
A differenza del Cuculo però, i piccoli non gettano fuori dal nido le uova o i pulcini della specie ospite, anzi, appena in grado di farlo abbandonano il nido.