Archivi Blog

One: Sorrow, Two: joy… Le prodezze della Gazza Ladra

La Gazza Ladra (Pica pica) la conosciamo tutti.
Fin da piccoli ci hanno raccontato che la Gazza è appunto “ladra”, che ruba le cose e che ama gli oggetti luccicanti, ma questa è solo una delle sue particolarità, che vedremo poi.
La Gazza Ladra è un uccello appartenente alla famiglia dei corvidi (come il Corvo, appunto, la Cornacchia grigia, la Ghiandaia). Quella che possiamo vedere nei nostri cieli, e nei nostri prati (si, perchè, come tutti i corvidi, anche la Gazza spesso si sposta saltellando a terra) è la specie nominale, ma ne esistono numerose sottospecie in tutta l’Eurasia.
Perchè è interessante la Gazza ladra?
Inanzitutto, lo ammetto,  perchè è bella: si, sembrerà un normalissimo uccello di modeste dimensioni bianco e nero, ma se lo si guarda attentamente si può vedere che in realtà il nero delle ali e della coda non è nero, ma è un colore indefinito, cangiante dal verde al blu, uno spettacolo per gli occhi di un acuto osservatore.

http://www.featheredphotography.com/blog/2012/01/30/just-a-shot-that-i-like-16-black-billed-magpie-in-flight/

fotografia di Ron Dudley

Altra caratteristica della Gazza Ladra è l’intelligenza: come tutti i corvidi le Gazze sono intelligentissime, alcuni studi hanno dimostrato che sono capaci di riconoscersi allo specchio, caratteristica propria di un piccolissimo numero di specie, e probabilmente tra i pochissimi uccelli in grado di farlo. Questo particolare è importantissimo perchè è un indizio del fatto che l’intelligenza, in quanto tale, si è evoluta in modo indipendente in animali tra loro diversissimi (come lo sono mammiferi e uccelli).
Le Gazze sono in grado di utilizzare utensili, sembrano avere una memoria episodica e sono in grado di prevedere la risposta dei conspecifici ad un tipo di evento in base alla loro esperienza.
Ciò in realtà non dovrebbe stupire più di tanto dato che, in proporzione, il loro cervello è grande come quello dei primati o dei cetacei

Le Gazze sono territoriali, infatti le si può vedere spesso attuare il comportamento di mobbing nei confronti di una potenziale minaccia, sia essa reale, come un predatore, o supposta (in questo video il singolare comportamento di alcune Gazze Australiane –Cracticus tibicen– , appartengono a una famiglia diversa, ma è abbastanza esemplificativo).

Tornando al loro essere ladre, il fatto che siano compulsivamente attratte dagli oggetti scintillanti è più folklore che realtà, vero è invece che addobbano il loro nido (che riutilizzano di anno in anno) per attrarre il partner, ma è un comportamento che dovermmo già conoscere molto bene: vi ricordate gli uccelli giardinieri?

Infine una piccola spiegazione del titolo del post: come ho già accennato sulle Gazze esistono un’infinità di leggende legate al folklore, soprattutto riguardo alla loro furfantesca capacità o al riferirsi a loro come presagio di sfortuna.
Esiste inoltre una filastrocca, che ho imparato anni fa in Inghilterra, la cui origine non è del tutto nota, secondo cui, in base al numero di Gazze che si avvistano, è possibile prevedere il futuro:

One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.

Guarderete ancora una Gazza con gli stessi occhi? Io le trovo affascinanti…

Cucù cucù, l’Aprile non c’è più!

Oggi mi faccio perdonare per l’assenza con un post bello succoso…

Il Cuculo!
Chi non lo conosce? C’è anche la famosa canzoncina che ci ricorda che a maggio il cuculo ritorna e ci delizia con il suo canto territoriale!
Ma chi sa dirmi a pieno le meraviglie di questo uccello? E sopratutto, chi sa com’è fatto un cuculo? Vi sfido!

Il Cuculo (Cuculus canorus) è un simpatico uccello simile ,per forma e dimensione, a un piccione, la cui peculiarità, il parassitismo di cova, l’ha reso celeberrimo.
Tutti sappiamo che il cuculo depone le uova nei nidi di altri uccelli.
Quello che non tutti sanno però è che non tutte le specie sono adatte a fare da ospite, anzi, in Europa sono solo una decina, e, soprattutto, ogni femmina di cuculo depone le uova solo nei nidi di una specie.
Il motivo è semplice: le uova “intruse” devono essere molto simili a quelle dell’ospite per non suscitare sospetti, e la femmina si specializza nell’imitare un solo tipo di uovo nel corso della propria vita (diversi ceppi di cuculi che depongono uova simili a quelle di una stessa specie sono detti gentes).

01455_cuculo_19,4

Un’altra particolarità è data poi dalle modalità di deposizione e schiusa che seguono sempre lo stesso schema.

La femmina di cuculo individua il nido dei malcapitati ospiti, aspetta che depongano le uova, e, alla prima occasione, si introduce nel nido (sempre di pomeriggio) e presa nel becco una delle uova deposte (lo mangerà più tardi, per non perdere tempo), depone il suo uovo e vola via.
L’uovo del cuculo si schiude in un tempo nettamente inferiore a quello dell’ospite, quindi, appena il pulcino viene alla luce, come prima cosa spinge le uova dei suoi fratellastri fuori dal nido: in questo modo sarà l’unico nidiaceo a dover essere nutrito.

Ma come fanno i genitori adottivi a non accorgersi del gigantesco “mostro” vorace che sta crescendo nel loro nido? Perchè continuano a nutrirlo anche quando le sue dimensioni diventano oggettivamente superiori alle loro?
Altro “trucco” del cuculo: il pulcino ha l’interno del becco talmente rosso da rappresentare un super stimolo per i genitori che non possono fare altro che nutrirlo. Inoltre il “piccolo” pullo emette un richiamo che equivale a quello di un’intera nidiata.

C’è da aspettarsi che prima o poi, nel corso dell’evoluzione, le specie parassitate riusciranno a raggiungere il Cuculo nella “corsa agli armamenti”, ma per il momento quest’ultimo è in netto vantaggio!

E per la serie “non si finisce mai di imparare” guardando il video ho scoperto l’esistenza del Gobbo Testanera (Heteronetta atricapilla), la cosidetta “anatra cuculo”, originario del Sud-America, che parassitizza il nido di altre specie acquatiche, come i gabbiani.
A differenza del Cuculo però, i piccoli non gettano fuori dal nido le uova o i pulcini della specie ospite, anzi, appena in grado di farlo abbandonano il nido.

inquilini rapaci

Ieri vi ho parlato dei maestosi nidi del Passero Repubblicano, in cui abitano contemporaneamente centinaia di esemplari.
Quello che non vi ho detto è che spesso, all’interno di questi “condomini”, si possono trovare anche degli inquilini diversi dai legittimi proprietari della struttura.
E’ il caso del Falchetto africano (Polihierax semitorquatus), il più piccolo uccello rapace dell’Africa, che utilizza le camere abbandonate all’interno della colonia per deporre le sue uova.

Nam-SA-Pygmy-Fa-JPG0171_RJ

il condominio del Passero repubblicano

Ok, sono viva, sono viva. Semplicemente partire per andare a trovare la nonna, portandosi dietro il computer, ma dimenticando la chiavetta internet non è stata la più geniale delle trovate.
Faccio ammenda!

Per sdebitarmi, oggi vi regalo un bell’articolo succoso su un piccolo uccellino dalle grandi capacità.
Come tutti sappiamo, gli uccelli costruiscono nidi in cui, solitamente, depongono le uova.
Vi ho già mostrato che gli uccelli sono capaci di costruire strutture eccezionali, ma nel caso del Passero repubblicano (Philetairus socius) queste strutture hanno un che di grandioso.

Questo piccolo passeriforme, originario del Sud Africa, vive in zone pressoché desertiche e costruisce nidi enormi semplicemente incastrando sapientemente fili d’erba. Ciò che li rende particolari non è solo la dimensione, ma il fatto che i nidi siano permanenti e che siano abitati contemporaneamente da centinaia di individui di generazioni diverse.
Come in un gigantesco condominio, all’interno del nido sono presenti differenti camere per ogni coppia che la divide con la nidiata.

sociable-weaver-nest-witsand

In un ambiente semi desertico, dove l’ombra e il fresco sono le cose più agognate, il nido/condominio rappresenta un piccolo paradiso. Infatti l’isolamento termico fa si che di giorno all’interno ci sia più fresco (anche 7-8°C in meno del’esterno) e di notte, quando le temperature si abbassano vertiginosamente, più caldo.